Added by on 16 settembre 2017

borchie e veleno

Nick. . . Lo lasciò socchiuso di proposito, sapeva che le sarei stato dietro, e così feci, varcando la soglia a mia volta, qualche passo indietro. La mia lei si prepara … bagno rilassante , quindi la scelta dei vestiti per la serata Tesoro sono abbastanza eccitante? Il suo look camicetta bianca trasparente , gonnellina nera ,scarpe con tacco vertiginoso … ovviamente niente intimo. . La mano di Giacomo era sul mio torace, il suo pollice si spostava sul mio capezzolo. Ne presi, lo succhiai, ne diedi un po’ a lui e subito dopo gli sborrai dentro. Scompariste fra la vegetazione e i pini. Ricorda la prima volta che venni a casa tua? Sì. la ripulisco . Stavo passando il fine settimana con Giacomo a casa sua ed i suoi genitori erano andati a trovare i suoi nonni dato che la nonna doveva essere operata, avevamo la casa tutta per noi, soli ed innamorati, voleva dire che stavamo per passare il giorno a letto. Era incredibilmente bagnata, e le piccole labbra così arrapate da essere spalancate. Iniziai a incularla accelerando piano piano sino a raggiungere una velocità molto forte . . cosa che non fa altro che compiacermi e spronarmi a farla impazzire ancora di più, il fortunello a quel punto decide che vuole giocare con me, mi si mette dietro, mi abbassa la coulotte e mi scopa senza convenevoli, non è grosso, nemmeno lungo, x la verità al di sotto della media a cui sono abituata, ma è durissimo, scopa discretamente, e io sono già un lago, lo sarebbe anche la mia lussuriosa amica, sotto la mia lingua, se nn fosse tappata , lui mi scopa e io lecco con ancora più foga, lei lo incita, lui sbatte forte, veloce, poi si stende, per ricevere le attenzioni delle bocche di entrambe per il suo gioiello, ci scambiano il suo pene come fosse il microfono del karaoke, un affondo in gola a testa, a turno, lo sentiamo impazzire, geme forte. Giacomo ed io abbiamo già chiesto di essere messi nella stessa camera, così non ci saranno problemi. Ricomincio a leccarle la figa per poi ritornare su a lubrificarle il culo e continuo questa danza con la lingua e le dita finché non si lascia andare completamente. Me lo ricordavo, Alice aveva dovuto andare a farsi togliere un dente che gli faceva male e mia madre doveva accompagnarla. Giunse finalmente al mio cazzo, lo prese con le mani, massaggiandolo piano ma convinta

Sure:
Etiketler: borchie e veleno

Kategori:

Asiatico

Etiketler:

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*