Added by on 8 ottobre 2017

Il mio trentesimo compleanno

Forse appartenevano ad amici o semplicemente a persone che le avevano dimenticate alla mattina, non se n’era mai realmente preoccupato. Apro il messaggio allegato e leggo: “Ciao Chase, spero ti sia piaciuto il mio spettacolo, era un modo per ringraziarti per aver raccontato come solo tu sai fare, la mia storia. Si disse, che scherzo era… Poi all’improvviso la porta si aprì: – ciao schiavo – ma – un brivido freddo colpì il giovane davanti a quella Signora – cosa hai schiavo, mi hai riconosciuto? – Si So…Sonia ma è uno scherzo? – lo schiavo era completamente teso e nervoso. . Carlo gemette involontariamente, il suo corpo tremò sentendo i denti dell’amico raschiare la sua pelle sensibile. Aprì la porta del bagno e lasciò la stanza tentando di fare il minor rumore come possibile. La sera dopo cena abbiamo voluto prenderci un po’ di relax dalla giornata frenetica e ci siamo recati nel salone da ballo. Finalmente sembra decidersi e si avvicina di qualche passo. Il capelli neri carbone erano pettinati di lato ed ancora leggermente umidi. “prendi il mio adesso bella vaccona ,, non lo sento ormai mi sta godendo il momento il calore che le sale dal ventre le mani di Roberto che mi stropicciano le tette mentre tolto il preservativo se lo mena, Gianni continua a pomparmi lo toglie prova a mettermelo nel culo spinge l’orifizio cede lo lascia entrare stringo i denti fa male ma mi piace da morire dietro, i muscoli si rilassano e il cazzo di Gianni scivola su e giù per il mio intestino

Sure:
Etiketler: Il mio trentesimo compleanno

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*