Added by on 7 settembre 2017

"Le farfalle nello stomaco" Parte 2

Ma, prima di sedersi, mi dice di alzarmi che questa volta avremmo fatto yoga in un modo leggermente diverso dal solito, in un modo più naturale e, dicendo questo, si toglie la maglietta e continua dicendomi togliti i vestiti. Io ero stato il primo a tirare fuori il cazzo dal costume e cominciai a menarmelo. ero estasiato dall’immaginare il cazzo che mi riempiva, dall’immaginare che il mio orefizio era allo stremo della sua dilatazione. Disse. Mi avevano appena legato al letto. “Devo andare al lavoro, baby. Fu una sensazione piacevolissima. Mio padre si spoglia. Parlando, esce il discorso dello yoga e sul fatto che anche io avrei voluto provare e lei, che chiameremo V , si propone di farmi delle lezioni gratuite. mi piaceva tantissimo leccargliela. Dopo L’ultima sborrata, mentre stavamo limonando, Monica allungò la mano sul mio cazzo che era tornato duro. E che quindi adesso me l’avrebbero fatta pagare a me. “Mi state proponendo di essere la vostra puttana per un giorno? Solo se promettete anche di scoparmi per tutto il giorno! Però ad una sola condizione…. Ingoiò tutto. Lei è molto sensuale nei movimenti, aiutata anche dai sandaletti estivi con tacco appena accennato. Carlo rispose con un forte lamento disperato. . Dai, fammi godere, vai sù e giù, fammi sentire che ti piace essere inculata da un cazzo grande come il mio. Passarono due giorni senza che mi accorgessi di qualcosa di strano, i miei amici erano normali ( del resto poteva essere anche uno di loro) fino al punto in cui ho pensato di essermi potuto sbagliare, magari quel ragazzo che credevo mi avesse visto aveva solo percepito la presenza di una persona nel bagno e si era subito ritirato senza vedere alcunchè

Sure:
Etiketler: "Le farfalle nello stomaco" Parte 2

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*