Added by on 15 settembre 2017

Nicola – Capitolo quattro

Adoro poter essere tranquilla senza dover far presto o stare attenta a non farmi vedere. . Un’ombra di tacco, nascosta dalla stoffa, nella soletta segreta, di seta pura, rappresentava la loro alchimia: pur essendo “ballerine” non ti appiattivano i piedi per terra, facendoti procedere a “Nonna Papera”. Il fatto che lei mi dicesse di ricompormi solo al rientro di papà mi eccitava da morire, in quanto in pratica mi dava il permesso di starmene nudo in sua presenza. Più tardi, la maggior parte tornò alla pensione, mentre alcuni dei giovani più grandi insistettero per restare almeno per quella notte, sull’arenile. – Mi sussurrò Gianfilippo, tirandomi per il braccio per invitarmi a ballare. Accettai e mi spostai lentamente verso la sedia di tela su cui stava seduto il ragazzo. . So che ne parliamo spesso, nel senso che quando scopiamo io ne parlo spesso, e si sa che in quei momenti tutto ti eccita e ti travolge all’estremo, anche magari cose di cui non sei convinto a mente fredda: eppure io per provocarla, per suscitare qualche sua reazione possibilista o meno mi dichiaro convinto e certo di volerlo, mentre lei non si mostra certa e sicura, nell’uno come nell’altro senso, cioè di volerlo fare o di non volerlo fare. . . . – Ok, l’hai voluto tu, aspetta che mi monto il preservativo, mia madre. I tre sembrarono rassicurati e invitarono mio padre ad unirsi a loro. . Avevo preso il mio ritmo e lei mi assecondava. A conclusione, mentre in tutto questo io la penetravo con un cazzo di acciaio durante tutto il discorso, fino a giungere al suo orgasmo, io le chiedevo per l’ennesima volta se ciò che mi aveva detto fosse vero e Lei stravolta dal piacere e ripeto con un sorriso intrigante e di sfida che non le avevo mai visto in viso, mi ha risposto “non credi che a questo punto sia un dettaglio?”. Presi una coca dal buffet, poi rintracciai Marianna, la ragazza più pettegola della scuola, lei di certo avrebbe potuto illuminarmi. Arrivarono come per magia: non avrei mai creduto possibile possederle. Mamma allora iniziò con lo sfiorare leggermente il cazzo di papà il quale emise un suono gutturale di evidente assenso

Sure:
Etiketler: Nicola – Capitolo quattro

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*