Added by on 9 ottobre 2017

Vita di parrocchia Cap 2

Ai suoi silenzi subentrano delle mie frasi, per non insospettire mia madre. CONTINUA . . . Quando ebbero finito si sdraiarono sotto le coperte godendo del contatto dei loro caldi corpi. stavo per tirarmi su i pantaloni quando il mio Padrone mi fermò. Ogni tanto mia mamma si gira a guardarci, quindi non possiamo neanche fare buon viso a cattivo gioco. . Io voglio solo giocare con te, bello. “Preparati, riempirò il tuo bel sedere come tu hai riempito il mio. Le altre la mostravano mentre si era messa a pecorina, poi con le gambe aperte o a candela e in altre posizioni varie ma in nessuna di loro si riusciva a vederla in viso, nonostante cio mi ero fissato su di lei. Quando lei mi ha poggiato contro il suo triangolino nero il mio pisello era rilassato, guardava verso il basso. ” dai andiamo in camera , mentre mi do una lavata di faccia tu preparati e mettiti sul letto a pecora”. . Tornammo in camera verso le due del mattino, il resto del villaggio era in silenzio e c’era molta tranquillità, soprattutto nella nostra zona, appena entrati in camera Simona mi volò letteralmente al collo: – “Quanto avresti voluto scoparti Marzia? Dimmi la verità…”; – “Lo sai che me la sarei scopata molto volentieri, te l’ho già detto. Oramai mi ha allargato definitivamente e la sento entrare ed uscire con grande facilità, sento il rumore della mano che entra e che esce ed impazzisco di voglia. Non capii subito il perchè di quella richiesta ma ubbidii irrigidendo la mano ed il braccio e alzando lo sguardo. In diverse condizioni, di diverso colore, di diversa dimensione – e questa cosa vi rovina la vita, a voi maschietti, coglioni che non siete altro – e persino in diverso stato di conservazione

Sure:
Etiketler: Vita di parrocchia Cap 2

Kategori:

Dilettante

Etiketler:

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*